MDC Lazio: “Atteggiamento dell’Azienda vessatorio e ingiusto: chiederemo il risarcimento danni per i cittadini”

Entro domani, 15 settembre, la bolletta della TaRi dovrebbe essere pagata all’AMA da tutti i cittadini, pena l’applicazione di more o interessi. “E’ vessatorio e assolutamente ingiusto costringere migliaia di anziani a recarsi presso una filiale della Banca Popolare di Sondrio per pagare la bolletta dei rifiuti, che AMA avrebbe dovuto recapitare per posta ai cittadini e che invece a molti non è mai arrivata”.
Lo dichiara il Movimento Difesa del Cittadino Lazio (MDC Lazio) che chiede fin da ora “il risarcimento danni e la restituzione delle more e degli interessi che saranno pagati per tutti quei cittadini che non hanno ricevuto la bolletta per posta o l’hanno ricevuta in scandaloso ritardo e che ora dovrebbero, secondo Ama, pagare di tasca loro l’inefficienza dell’azienda”.
Molte le segnalazioni giunte all’associazione da parte di cittadini, che non sono riusciti a parlare direttamente con gli uffici AMA, difficilmente raggiungibili tramite il call center 06/0606.

Facebook
Google+
LinkedIn